Anguilla del Lago di Bolsena
Già noto ai Romani, questo pesce, di cui pare fosse ghiotto papa Martino IV, offre ottime carni bianche e tenere per la trasformazione. Privo di scaglie, è un pesce grasso e saporito preparato spesso in umido o in guazzetto.

———-

asparago2Asparago verde di Canino e Montalto di Castro
Coltura introdotta negli anni ‘80 tra Canino e Montalto, che ha riscosso successo grazie ad innovative tecniche di coltura ed al clima locale.

———-

biscotto santanselmoBiscotto di Sant’Anselmo
Ciambella dolce, fatta con farina, uova, olio, vino, anice, liquore, limone e zucchero seguendo una ricetta antichissima tramandata oralmente e lunga ben quattro-cinque giorni.
———-

carcioforomanesco1Carciofo Romanesco del Lazio IGP
Detto anche cimarolo o mammola, ha forma sferica e compatta, foglie di colore verde violetto e senza spine, un cuore morbido e tenero ed un deciso odore di erbaceo.

———-

coniglio leprino viterbeseCarne di Coniglio leprino viterbese
Animale già conosciuto agli Etruschi, questa razza è stata creata per l’allevamento all’aperto nel 1978. La carne è saporita, con buona consistenza alla cottura.

 

———-

Coregone del lago di Bolsena
Dal corpo slanciato, testa piccola e bocca leggermente obliqua, il coregone di Bolsena ha una colorazione argentea sul dorso. Le carni, leggermente stoppacciose ma di ottimo gusto, sono molto apprezzate.

———-

fagioliFagioli giallo, ciavattone, solfarino e verdolino
Le favorevoli condizioni climatiche ed i terreni vulcanici, hanno da sempre favorito la coltura di numerose varietà di fagioli nella Tuscia viterbese. Ciascuno di loro si contraddistingue per caratteristiche organolettiche e nutrizionali differenti: il fagiolo ciavattone, tenero e saporito, dalla buccia quasi inesistente; quello giallo, dal colore marrone e sapore dolce, il solfarino parente dello zolfino toscano ed il verdolino, il più ricercato sul mercato.

———-

Lenticchia di Onano
Leguminosa ampiamente coltivata nel comune omonimo, caratterizzata da forma appiattita e colore variabile dal marrone chiaro al verde. Si distingue per buccia quasi inesistente e pasta vellutata, fine e cremosa.

———-

Legumi della Tuscia
Intorno al lago di Bolsena si producono tipicità come il fagiolo del Purgatorio di Gradoli, il Cece del Solco dritto e il Fagiolo Secondo o della Stoppia di S. Lorenzo Nuovo.

———

mortadella viterbeseMortadella viterbese
Salume di forma cilindrica con carni di colore rosso vivo contraddistinta da grani bianchi di grasso e pepe nero. Il prodotto presenta gusto sapido al palato con lieve retrogusto di aglio.
———-

Patata dell’alto Viterbese IGP
Varietà di patata, coltivata a nord del lago di Bolsena, ha buccia gialla e pasta di colore giallo chiaro, ma per alcune varietà la pasta può essere bianca o anche rosa.

———-

pecorinoingrottaPecorino in grotta del Viterbese
Formaggio ovino a pasta dura dal colore giallo paglierino e crosta rugosa, asciutta od oleata. Il sapore, da salato a piccante, ha il caratteristico aroma di erbe, con cui il formaggio viene avvolto durante il finissaggio.

———-

Pecorino viterbese
Formaggio ovino, a pasta dura e compatta di colore giallo paglierino uniforme, con presenza di occhiature irregolari. Il sapore va dal dolce a leggermente salato, a piccante nelle forme stagionate oltre 6 mesi.

———-

porchettadiviterbo2Porchetta di Viterbo
La caratteristica della Porchetta Viterbese, che viene disossata, riempita con le sue frattaglie e condita con spicchi d’aglio, sale, pepe, finocchio selvatico fresco e fiori di finocchio seccati, è quella di presentarsi in tre tipologie: piccola, media e grande.

 

———-

Prosciutto di montagna della TusciaDi tutto di pió 012
Questo prosciutto, caratterizzato dal colore rosso screziato e sapore non eccessivamente salato, viene prodotto nelle tipologie disossata o con l’osso. Il periodo di stagionatura è rispettivamente di 5-9 mesi e 10-12 mesi.
———-

Sambuca viterbese
Distillato a caldo a base di anice stellato, fiori di sambuco, alcol, zucchero ed acqua, è un liquore incolore con gradazione alcolica del 40% – 43% Vol. che si caratterizza per uno forte aroma di anice e gusto dolce.

———-

Stracchino di capra
Formaggio caprino fresco dalla brevissima stagionatura, crosta sottile a volte fiorita, dal colore bianco porcellanato. La pasta interna è morbida, cremosa e spalmabile. Si contraddistingue per il sapore delicato, dolce, burroso e leggermente acidulo.

———-

susianella2Susianella
Insaccato tradizionale della città di Viterbo, ottenuto dalla trasformazione di cuore, fegato, pancetta, guanciale e rifilature magre di suino. Dal tipico colore rosso cupo e sapore sapido.
———-

tozzetti viterbesiTozzetti di Viterbo
Biscotti secchi, a base di nocciole dei Monti Cimini ed ancora uova, zucchero, olio, lievito, buccia di limone grattugiata, latte, farina, tipici dell’intera provincia di Viterbo.

———-

Vino Aleatico di Gradoli DOC
Nei territori sul lago di Bolsena si produce questo vino unico nel panorama laziale perché realizzato quasi esclusivamente con uve Aleatico.

Vino Cerveteri DOC
La morfologia del terreno, in colline digradanti verso il mare, rendono questo territorio molto vocato alla coltivazione della vite, come testimonia la qualità di questa DOC.

Vino Civitella d’Agliano IGT
Nell’area dell’antica Etruria meridionale, tra le città di Volsinii, Orvieto, e Nova Volsinii, Bolsena, si produce questo vino tutelato dall’Indicazione Geografica Tipica.

Vino Colli Cimini IGT
Molte le notizie su questo territorio, vocato da sempre alla viticoltura. Questo vino dalle origini antiche è prodotto nelle diverse tipologie di bianco, rosso e rosato

vinoVino Colli Etruschi Viterbesi o Tuscia DOC
Prodotta in un’area collinare il cui clima è reso mite dal lago di Bolsena, questa DOC è riservata a vini bianchi, rossi e rosati, secchi, amabili o passiti.

Vino Est! Est!! Est!!! di Montefiascone DOC
Reso leggendario da Johannes Defuk, questo vino è prodotto in sette comuni del viterbese, splendidamente adagiati sulle pendici del lago di Bolsena.

Vino Lazio IGT
Denominazione che raggruppa diverse tipologie di vino prodotte in tutta la regione, un grande laboratorio che interpreta al meglio l’eterogeneità vitivinicola del Lazio.

Vino Orvieto DOC
Vino dal cuore umbro ma con le radici nel Lazio, poiché prodotto anche nei territori di Viterbo. Tra i bianchi più famosi d’Italia, ha origini antichissime.

Vino Tarquinia DOC
La coltura della vite è uno dei comparti di eccellenza e di qualità della Tuscia viterbese in cui si produce anche questa DOC, nelle tipologie rosso, bianco e rosato.

Vino Vignanello DOC
Nelle falde orientali dei Monti Cimini, in provincia di Viterbo, la produzione di vino risale almeno al secolo IV a.C. Il Vignanello è prodotto nelle tipologie bianco, rosso e rosato.

Annunci